ESSERE CLOWN NON E' UNA TECNICA.

E’ PIUTTOSTO UNA CONDIZIONE DELLO SPIRITO....

E’ GUARDARE IL MONDO DA ESSERI UMANI

info@ciridiamosu.it tel. 329 4219904

L'ALLEGRIA È UNA BUONA TERAPIA, RIDERE AIUTA A SENTIRSI MEGLIO E A GUARIRE PRIMA

La Comicoterapia, Clownterapia o Gelotologia (dal greco ghelos, risata) disciplina di supporto al percorso di guarigione e metodo di integrazione alla medicina tradizionale, si basa sulla considerazione che il miglioramento dello stato d’animo del soggetto assistito, attraverso complessi meccanismi neuro-endocrini, si riversa positivamente sul suo equilibrio immunitario e le sue abilità relazionali. In una parola sulla sua salute psico-fisica

Per questo portare la risata e le emozioni positive nei contesti sociosanitari, attraverso la figura del Clown Dottore, favorisce il processo di umanizzazione dei luoghi di cura e aiuta ad accendere la scintilla vitale: in senso terapeutico si forniscono alla persona in difficoltà gli strumenti per attivare le proprie risorse! In senso Sociale il Clown Dottore diviene “creatore di comunità” contribuendo a destrutturare assetti sociali di esclusione.

La Gelotologia, prendendo le mosse dai più recenti studi di PsicoNeuroEndocrinoImmunologia (PNEI), studia e applica le potenzialità del ridere e delle emozioni positive in funzione di terapia, prevenzione, riabilitazione e formazione.

IL CLOWN DOTTORE: CHI È?

Il Clown Dottore e il Volontario del Sorriso dell’associazione Ci Ridiamo Su sono operatori socio-sanitari-culturali professionali che operano attraverso le arti della clownerie (gioco comico o poetico, umorismo, prestidigitazione, burattini, musica, teatralità) e attraverso la “metafora terapeutica”, al fine di mutare segno alle emozioni negative delle persone con disagio di tipo sanitario e/o sociale ed avviare/supportare un processo di guarigione.

La denominazione Clown Dottore, che pone insieme il concetto di Cura–Dottore e Gioco–Clown, lo differenzia dal normale clown.

È una figura basata su un percorso formativo che prevede lo sviluppo di 2 aree di competenza: ARTISTICA e PSICO–SOCIO–PEDAGOGICO-SANITARIA

Chi svolge questa attività, dopo una formazione seria e qualificata, si sottopone a processi di formazione periodica e di supervisione costante.

FORMAZIONE

La formazione è specifica per interagire in un ambiente difficile e complesso, poiché diversamente formato l’operatore potrebbe non essere in grado di leggere i segnali emergenti nella situazione specifica in cui si trova ad operare, con il rischio di superdosare ( o sottodosare) il proprio intervento e di non finalizzarlo specificamente al contesto.

CONTESTI

L’Associazione CI RIDIAM0 SU svolge la maggior parte della propria opera nelle situazioni di disagio, anche grave, proprio là dove sofferenza, dolore e paura trovano maggiore espressione, immettendo le emozioni positive (di cui il ridere è una delle più potenti, in particolare se coniugato con l’amore ed il senso della comunità) nei processi di terapia e riabilitazione al fine di migliorare la qualità della vita delle persone e della comunità.

- Nell’ambito, ad esempio, di un ospedale o una casa per anziani, l’approccio gelotologico incide anche e profondamente sulle aspettative, sulle motivazioni e sui vissuti dei degenti/utenti e del personale ed è così in grado di migliorare l’efficienza complessiva della struttura ed umanizzare la comunità.

- Per persone diversabili ma anche comunità con bambini e/o adulti con disagio sociale e/o malattia psicofisica, l’approccio possiede caratteristiche di reinserimento sociale, rimozione dello svantaggio sociale, prevenzione, e vuol essere finalizzato al mantenimento delle capacità cognitivo/comportamentali e neuromotorie dei partecipanti, fornendo un’esperienza positiva e gratificante sia per i livelli di autostima, sia, di conseguenza, per il miglioramento delle suddette capacità.

- Nelle attività nelle scuole i progetti riguardano la prevenzione primaria, l'educazione alla salute, la rimozione del disagio scolastico, le classi cosiddette difficili.

- In missioni Umanitarie, sperimentando una nuova modalità di relazionarsi, non fondata solo sul dare, ma sullo scambio e sull’interazione

CI RIDIAMO SU

- È membro della Federazione Internazionale !Ridere per Vivere! (www.riderepervivere.it) e dell'Istituto di Ricerca, Documentazione e Formazione su Gelotologia e Nuove Scienze "Homo Ridens" (www.homoridens.net), punti di riferimento nazionali sull’importanza del ridere e delle sue applicazioni teoriche e pratiche;

- aderisce alla Scuola Europea di Alta Formazione per Clown Dottori e Gelotologi “Norman Cousins” con sede ad Orvieto alla Terra del Sorriso (www.homoridens.net/terra-del-sorriso). La Scuola rappresenta la punta di eccellenza della formazione in Gelotologia secondo uno dei metodi formativi più accreditati del panorama italiano ed europeo.

La sua formazione è riconosciuta dal MIUR.

COME AIUTARCI ?

COME AIUTARCI ?
Con la legge Finanziaria (Legge 27 dicembre 2006 n. 296), anche questo anno puoi destinare il tuo 5X1000 a !CI RIDIAMO SU'!, aiutando i Clown Dottori e i Volontari del Sorriso a portare la gioia e il conforto nelle situazioni di disagio. Aiutarci è semplicissimo ! Su tutti i modelli per la dichiarazione dei redditi (Modello Unico, 730, CUD ecc.) compare un riquadro appositamente creato per la destinazione del 5X1000. Nel riquadro sono presentate tre aree di destinazione del 5 per mille. Scegli quella dedicata al "Sostegno delle organizzazioni non lucrative di utilità sociale" (la prima in alto a sinistra). È sufficiente la tua firma e il numero del nostro C.F. 92030120882 Il 5X1000 non è un onere aggiuntivo per il contribuente, si tratta di una frazione di imposte che lo Stato ha deciso di conferire agli Enti del Terzo Settore per svolgere le loro attività di utilità sociale. Per informazioni potete contattarci scrivendo a ciridiamosu@gmail.com . Stampa e conserva questa pagina insieme ai documenti per la dichiarazione dei redditi e, se puoi, diffondi il nostro appello tra i tuoi amici e colleghi. GRAZIE DI CUORE !

BOMBONIERE SOLIDALI

BOMBONIERE SOLIDALI

In occasione di Battesimi, Comunioni, Cresime, Lauree, Matrimoni, Nozze d'Argento, Nozze d'Oro, Pensione, Regali e ogni altra ricorrenza festeggia con una Bomboniera o un Regalo Solidale dei Clown Dottori dI CI RIDIAMO SU'.

Sono tante le occasioni da festeggiare con parenti e amici che possono trasformarsi in importanti gesti di altruismo. Puoi far sì che i momenti di gioia della tua vita diventino un atto di solidarietà e allo stesso tempo un ricordo di un gesto d'amore. Il tuo aiuto contribuirà a diffondere la gioia, attraverso i progetti rivolti a chi si trova in difficoltà.

Con i nostri doni, i tuoi parenti e amici riceveranno la testimonianza di un tuo importante gesto di solidarietà.
Scopri i modelli di Bomboniera e Pergamena Solidale disponibili, scegliendo a seconda dell'evento che vorrai festeggiare.
Sono semplici, belli e ci sostengono!

Info 329 4219904 ciridiamosu@gmail.com

giovedì 2 febbraio 2023

18 feb '23 - Grande Festa in Maschera alla "S. Famiglia"

Fatine, orchi, principi, astronauti..vi aspettiamo alla Grande Festa in Maschera 

Sabato 18 febbraio dalle ore 18 Salone Parrocchia S. Famiglia

Sfileremo in tutta la nostra Meravigliosa Bellezza !

Premi per 1°, 2°, 3° classificato. Giochi per tutti

L'iscrizione comprende un "botto" di coriandoli, stelle filanti, merenda e pensierino. Quota iscrizione sfilata €8

Seguirà Cena con Cavati al sugo di maiale, bevande e tante chiacchiere. Quota cena €5

Iscrizione Sfilata e prevendita biglietti presso la "S. Famiglia" tutti i sabato dalle 15.30 alle 17.30 e tutte le domeniche dalle 9.30 alle 10.30 e dalle 11.30 alle 12.00

domenica 15 gennaio 2023

21 gen '23 - Racconto in valigia

In occasione dei Festeggiamenti in onore di Don Bosco, i clown dottori dell’associazione CI RIDIAMO SU propongono un racconto in valigia, un laboratorio ludico-creativo di lettura animata presso il Saloncino "Don Biagio Insacco" a Vittoria.

La Finalità, d’intesa con gli organizzatori, è quella di ri-creare attraverso il gioco e la pratica delle buone emozioni, un ambiente plurale, aperto, libero, creativo, accogliente, valorizzando le relazioni come cura, azione, interazione, comunicazione.

La valigia è la scatola magica dalla quale esce il racconto “il Postino dei messaggi in bottiglia” che ci ha accompagna in un viaggio fatto di incontro, lo stare insieme, l’integrazione, lo scambio delle diversità proprio insieme al clown, il diverso e l’inadeguato per eccellenza.

Una lettura partecipata, buffa, creativa, animata per arrivare all’essenza delle emozioni che abitano l’animo umano, in relazione alla valorizzazione di messaggi positivi, in controtendenza al generalizzarsi di comportamenti di separazione, violenza, intolleranza.

L’atmosfera meravigliosa e poetica di una storia dolce e delicata permette ai bambini di osservare i propri sogni e scoprire, magicamente, nella partecipazione e nella bellezza della condivisione la possibilità di realizzarli.

Per attraversare il mare di questi sentimenti giochiamo e diamo voce alla creatività di ogni bambino.

E solletichiamo quella capacità innata dei bimbi di prendere per mano gli adulti per ritrovarsi tutti insieme a godere della semplicità degli altri!

Scappatelle - Accoglienza dei minori in visita 2022-2023 alla Casa Circondariale Ragusa

“I clown come mediatorI delle relazioni familiari entrano in carcere in punta di piedi, com'è giusto che sia, incontrano i figli e i familiari in visita e cercano di aiutarli nel gestire al meglio il (pochissimo) tempo che dedicano ai parenti agendo sullo spirito e sul controllo delle emozioni".

La comicoterapia ha come primo impatto quello di “ri­strutturare” agli occhi dei bambini la rappresentazione del carcere, da spazio angusto e restrittivo a contesto gioioso e divertente nel quale continuare ad alimentare l’affettività del rapporto con il genitore detenuto.

La presenza di una coppia di clown dottori, attiva in interventi di contatto e animazione sociale e sanitaria, ha come principale finalità quella di ‘fare da ponte relazionale tra le persone e nello specifico di favorire il contatto e la relazione tra genitori detenuti e il figlio ma anche tra detenuti, loro familiari, bambini e polizia penitenziaria.

L’intervento di comicoterapia non produce effetti solo sulla relazione genitori ­ figli ma su tutto il contesto carcere, perché l’introduzione di un cambiamento in una parte del sistema cambiamenti in tutto il sistema.

 

venerdì 23 dicembre 2022

22 dic '22 - ASD Ad Maiora Ragusa

Nell’abbraccio – ciò che è stato spigolo, linea interrotta, groviglio – diventa di nuovo, come per miracolo, cerchio perfetto.
Quando ci ritroviamo insieme in un Cerchio si sentiamo nel posto giusto e in armonia.
Grazie ASD Ad Maiora Ragusa per averci donato il vostro abbraccio Armonioso

 

giovedì 8 dicembre 2022

Orto in condotta_Impariamo con le piante a Scuola

Attraverso le illustrazioni di “ORTO IN CONDOTTA impariamo con le piante” - ci proponiamo di poter parlare alle comunità scolastiche:

- di ascolto e rispetto di sé stessi e dell’ambiente che ci circonda; di legalità; di crescita; di sensibilità e partecipazione; di presa in cura di contesti complessi; dei disagi che si vivono in situazioni di limite. Temi che possono aiutare a ritrovare uno sguardo nuovo e più empatico verso l’esterno.

Questi temi vengono affrontati a partire da ciò che le piante dell'orto ci insegnano. Un percorso tra le stagioni e per ognuna è stato pensato un tema che riguardasse l’apprendimento che possiamo avere grazie alla cura e all'ascolto delle piante.

La lentezza, la pazienza di saper attendere dalla semina alla raccolta, e riappropriarsi del tempo;

La capacità di portare ricchezza all’altro e al mondo, come diverse piante nutrono e arricchiscono il terreno col processo di azotofissazione;

La diversità e del crescere insieme, come nell’orto con la consociazione, coltivazione associata di piante diverse che si aiutano reciprocamente nella crescita;

La cura che cura, la cura dell'orto come strumento di terapia per la persona.

La finalità è quella di stimolare le comunità cittadine nel loro mondo sensibile con un messaggio sociale etico - che accompagna il progetto - ricostruendo un’immagine che valorizza, e non denigra, le vita altrui.

 

sabato 3 dicembre 2022

16 set -1 dic '22 Edu Green all'Ist. "G. Rodari" di Vittoria

Un orto Sinergico alla scuola Gianni Rodari di Vittoria 

Un’innovativa esperienza nella quale il valore ricreativo ed educativo dell’orto, viene affiancato da un’esperienza teorico-pratica nella cura del verde e dell’ambiente parlando di ascolto e rispetto di sé stessi e dell’ambiente che ci circonda; di sensibilità̀ e partecipazione; di lentezza e pazienza, di saper attendere dalla semina alla raccolta, e riappropriarsi del tempo; della capacità di portare ricchezza all’altro e al mondo, come diverse piante nutrono e arricchiscono il terreno col processo di azotofissazione; della diversità e del crescere insieme, come nell’orto con la consociazione, piante diverse si aiutano reciprocamente nella crescita; e di cura che cura, la cura dell'orto come strumento di terapia per la persona. 

Tutti temi che possono aiutare a ritrovare uno sguardo nuovo e più empatico verso l’esterno, affrontati a partire da ciò che le piante dell'orto ci insegnano. 

Un Polifemico e Meraviglioso Grazie a tutti gli attori di questo appassionante progetto:

alla caparbietà dello staff scolastico dell’istituto Rodari di Vittoria e del plesso Rosario

all’angelo custode capelluto Francesco Savarino che ha vegliato su tutti noi ;)

alla professionalità di un grande Fabio D'Angelo onnipresente

e alla sicurezza di due grandi aziende alle nostre spalle Lostiledelverde - La Ferla e @Ecofaber - L'Ortovivaismo di Qualità;

al Vivace Entusiasmo che ci ha sempre allegramente accompagnato

e ai bambini che con il loro trasporto e la loro gioia dirompente sapranno condividere le belle esperienze trasformandolo sempre più in un orto Emozionale ed emozionante

 

lunedì 21 novembre 2022

E' arrivato ORTO IN CONDOTTA, impariamo con le piante, Clowndario 2023

E' arrivato ORTO IN CONDOTTA impariamo con le piante Clowndario 2023, in continuità col progetto "Libere Tenerezze, Laudato Sì" Orto Umoristico Rigenerativo presso la casa Circondariale di Ragusa.

Attraverso le illustrazioni del Clowndario 2023 ci proponiamo di poter parlare di ascolto e rispetto di sé stessi e dell’ambiente che ci circonda; di legalità; di crescita; di sensibilità e partecipazione; di presa in cura di contesti complessi; dei disagi che si vivono in situazioni di limite. Temi che possono aiutare a ritrovare uno sguardo nuovo e più empatico verso l’esterno.

Questi temi vengono affrontati a partire da ciò che le piante dell'orto ci insegnano. Il clowndario 2023 è stato pensato come un percorso tra le stagioni e per ognuna è stato pensato un tema che riguardasse l’apprendimento che possiamo avere grazie alla cura e all'ascolto delle piante

Grazie a tutti coloro che ci accompagneranno nel nostro cammino anche solo con la forza semplice di un sorriso!
GRAZIE A TE CHE SCEGLIERAI DI PORTARLO A CASA O DI DONARLO!

Ecco dove potrete trovarlo:

RAGUSA:
Le Formiche store- Via San M. Kolbe 3
Libreria Flaccavento - Via M. Rapisardi, 99
Look Live Parrucchiera Franca - Centro Degradè - Via dei Mirti 29/31

COMISO
BIRO BLU - Edicola in Via Gen. Girlando 47

VITTORIA
Kaleydos- cartoleria in Via Gen.le Diaz, 32

SCICLI:
Libreria Don Chisciotte Mondadori Bookstore Scicli Libri e Vinili - Via Aleardi, 4


 

sabato 12 novembre 2022

12 nov' 22 - Metto il Naso in una bolla a GIOCARE TI DONA

Grazie #Crisciranni per la meravigliosa creatura che è #giocaretidona.
Grazie per averci fatto respirare un'aria frizzante di divertimento, gioia e felicità.
Grazie per lo splendido parco Padre Basile carico dell'energia di ...icento bimbi (dati effettivi).....llecentotrenta quelli percepiti.
Grazie per le festose urla di tutti quei bimbi nelle nostre 2 repliche: "lo #stupore ci appartiene".

lunedì 10 ottobre 2022

7, 8, 9 ottobre Iblabuskers 2022

Grazie per l'affettuosità con la quale accogliete anche noi ad Iblabuskers. 

Sarà la Magia dell'evento ma ci avete travolto con il vostro interesse ai nostri progetti.


 

mercoledì 21 settembre 2022

22 sett '22 - "Accoglienza" I.C. vann'antò plesso ECCE HOMO

Occorre dare più spazio alla parola “benvenuto”.

Far diventare musicale la B, allungare per ammorbidire di più la N, farsi abbracciare dalla V accoccolandosi, tintinnare all'infinito la T.

E sorridere...sorridere insieme per ritrovare il senso dell’accoglienza.

 

lunedì 12 settembre 2022

14 set '22 - "Accoglienza" I.C. "Berlinguer" Plesso Blangiardo

Lo stupore...un attimo meravigliato !

Genitori bellissimi e stracontenti mischiati ai bimbi al primo giorno di scuola. E Strabiliati e Frastornati a bocca aperta perchè chiamati in causa.
"non c'è cosa più bella che far giocare adulti e bimbi insieme mano per mano"

"Non possiamo assicurarvi bolle e magie stupide tutto l'anno ma la cura e voglia di amarvi delle vostre insegnanti che vi hanno voluto accogliere calorosamente e gioiosamente in questo Splendido giorno !"


 

martedì 30 agosto 2022

1 sett '22 - Racconti in valigia

L’atmosfera meravigliosa e poetica di una storia dolce e delicata permetterà ai bambini di osservare i propri sogni e scoprire, magicamente, nella partecipazione e nella bellezza della condivisione la possibilità di realizzarli. 

Per attraversare il mare di questi sentimenti giocheremo e daremo voce alla creatività di ogni bambino.

La valigia compagna fidata del clown sarà la scatola magica da cui usciranno i racconti che ci accompagneranno in questi viaggi verso l’incontro, lo stare insieme, l’integrazione, lo scambio delle diversità proprio insieme al clown, il diverso e l’inadeguato per eccellenza. 

Una lettura partecipata, buffa, creativa, animata per arrivare all’essenza delle emozioni che abitano l’animo umano, in relazione alla valorizzazione di messaggi positivi, in controtendenza al generalizzarsi di comportamenti di separazione, violenza, intolleranza.

venerdì 5 agosto 2022

4 ago '22 - Caccia all'Artista

Clown, trampolieri, magia: tutti a #RagusaIbla il 𝟰 𝗮𝗴𝗼𝘀𝘁𝗼 per la 𝗖𝗔𝗖𝗖𝗜𝗔 𝗔𝗟𝗟'𝗔𝗥𝗧𝗜𝗦𝗧𝗔!

Una serata tra divertimento, risate e incanto che trasformerà i Giardini Iblei nel palcoscenico diffuso di spettacoli di teatro clown, bolle di sapone e racconti animati da scoprire in tre diverse postazioni della villa comunale.

“𝗔𝗺𝗮𝗿 𝗱𝗮𝗹 𝗿𝗶𝗱𝗲𝗿𝗲” sarà una storia misteriosa con due buffi clown un po’ stralunati protagonisti di gag e magie.

”𝗘𝗺𝗼𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶 𝗶𝗻 𝗳𝗲𝘀𝘁𝗮” sarà un racconto animato che scaturirà da una magica valigia, fra travestimenti, giochi e letture creative ed emozionanti che coinvolgeranno la platea di bimbi e famiglie.

“𝗖𝗶 𝗺𝗲𝘁𝘁𝗼 𝗶𝗹 𝗻𝗮𝘀𝗼 𝗶𝗻 𝘂𝗻𝗮 𝗯𝗼𝗹𝗹𝗮” sarà un viaggio onirico dove bolle giganti ci condurranno tra momenti d’improvvisazione, sorrisi e il piacere dello stare insieme in allegria.

Ma non è finita qui! Passeggiando tra il corso e le piazze di Ibla andate a caccia del clown trampoliere. Non gli sarà tanto facile nascondersi 😉

ℹ️ 𝐈𝐍𝐅𝐎

• Giardini Iblei - Ragusa Ibla

• Dalle ore 21:00 alle 24:00

• Ingresso libero

L’evento rientra nel cartellone di #EstateIblea 2022 ed è organizzato da #AnticaIblaCCN grazie al sostegno degli sponsor: #BancaAgricolaPopolarediRagusa, Ègreen Italia, Blunova - Nova Quadri, Café Noir, Spatium • Relaxing Time in Ibla e con il patrocinio gratuito del Comune di Ragusa e #UnescoRagusa.

 

lunedì 25 luglio 2022

24 lug '22 - Metto il naso in una bolla

Cos'è una bolla... Cosa ci vedi dentro?

Grazie al comune di Pozzallo, all'assessore @Ste Mo, a chi c'era, a chi ha giocato con noi, a chi avrebbe voluto esserci...per questo viaggio.

Un sogno verso l’incontro, lo stare insieme, l’inclusione, lo scambio delle diversità proprio insieme al clown (un linguaggio a noi molto caro) il diverso e l’inadeguato per eccellenza.

Grazie per spettacolo onirico, partecipato, buffo, creativo, animato che ci avete regalato... grazie per aver - anche per un attimo - camminato verso l’essenza delle emozioni che abitano l’animo umano.

Grazie per aver creato insieme attraverso il gioco un ambiente plurale, aperto, libero, creativo, accogliente.

Grazie ai bimbi per averci spiegato l'essenza della gioia!

 

giovedì 14 luglio 2022

17 lug ' 22 - A MAR DAL RIDERE a Pozzallo


 

13 lug '22 - Spettacolo di Fine Grest ad Acate

Un grazie enorme al Grest "Bee Heroes - Fratelli tutti 2022" della parrocchia San Nicolò di Bari in Acate per averci invitati e accolti calorosamente!


 

2 luglio '22 - Dal Vivo al Boschetto: "Ridere è Cosa Seria"

Ridere è cosa Seria :
Due buffi, simpatici e talentuosi (???) clown colti da un’eccitazione infantile all’idea di avere una scena e un pubblico a loro completa disposizione, tra dispetti, gag e magie, in uno spettacolo che crea un'unione epica intimistica con l'animo umano e imparando a ridere di se stesso.
Gentili e poetici ci condurranno verso una storia misteriosa che non potrà mai essere raccontata per una serie di stralunati impedimenti.
 

Siamo in continua ricerca...

Il lavoro sul clown pone la persona davanti a se stessa e agli altri, porta a riflettere sul proprio modo di essere, sulle proprie potenzialità espressive stimolando a liberarsi dalle paure.
Essere clown è riscoprire spazi e tempi al di là di categorie razionali; è giocare con la realtà per reinventarla. La scoperta del clown non è nient'altro che la scoperta del gioco come espressione di noi stessi.
Il clown è un attore che è regista di se stesso. Che è talvolta anche drammaturgo. Un clown dunque non è mai nel punto dove si trova. Sta attorno a se stesso. Si dirige. Pensa come un ballerino. Danza. Si danza. Come a un attore che danza. Che pensa in forma di coreografia.
Qualche volta non pensa. Meglio: danza i suoi pensieri.
Al di là del naso rosso tradizionale si può cercare di intravedere il valore iniziatico che il clown incarna.
Il clown è venuto dal teatro al circo, dal circo al teatro, dal teatro all'ospedale...non esistono ricette per diventare clown, come in America, dove sono in commercio album con i costumi, le gag e il trucco e tu scegli dal catalogo il tuo clown.
Tu devi cercare in te il tuo clown, il tuo lato umoristico. E l'humor è come il tergicristallo della macchina. Non ferma la pioggia ma ci aiuta ad avanzare meglio. Il comico è un'energia misteriosa.
È della persona che si ride. I grandi clown da Toto' a Buster Keaton irradiavano la scena con una presenza in grado di fare ridere facendo "niente".
La grande Anna Magnani si lamentava che Toto' in palcoscenico con lei, le rubasse la "scena". Allora Toto' è stato fatto sedere da una parte e al buio e il pubblico ha riso ancora di più.
Fare ridere vuol dire avere un contatto. Noi ridiamo della tragedia dell'uomo. Si racconta, ma forse è leggenda, che il primo clown sia stato un ubriaco entrato per caso sulla pista del circo durante lo spettacolo e inciampando ha fatto ridere il pubblico. Da qui il naso rosso, che ci vuole ricordare i nasi degli ubriachi e i vestiti stracciati dei clochard. Un incidente, un'attitudine bizzarra, un abito inconsueto, una situazione anormale hanno fatto nascere l'Augusto. I clown nel circo facevano il loro pezzo tra un numero e un altro.
La prospettiva del numero del clown è il fallimento.
C'è l'idea che l'uomo non può sbagliare. Se sbaglia viene cacciato dal Paradiso Terrestre. Allora tutto deve essere perfetto. Tutto deve funzionare. Il pubblico si identifica nel fallimento e pensa: "a me questo non capiterà mai, guarda il clown quanto è stupido".
Il clown è lì e non per fare ridere, è lì seriamente. Perchè ha un estremo bisogno di lavorare e ha bisogno del pubblico.
Il clown ha dei dubbi. Lui non capisce ma vuole capire.
Non si può recitare il clown, si è. È un lavoro attoriale che cerca un sentimento profondo e indaga uno degli aspetti importanti della recitazione: essere veri. Quando noi piangiamo, non vorremmo piangere, il nostro volto resiste, ma accade, è vero. Le disgrazie al clown accadono davvero, e qui è la grande arte del clown e del teatro: una finzione che sembra vera, tanto vera è quella finzione.
La stupidità non si può recitare con intelligenza. Il clown non è un pagliaccio, ha una base tragica. La stupidità è il motore della invenzione. Il clown inventa perchè vuole risolvere la "catastrofe". E come nello "slow burn" (bruciare lentamente: tecnica di Stanlio e Ollio) attaccare un quadro alla parete si trasforma nella distruzione di un paese. A tutti noi sarà capitato un incidente, un'avventura inaspettata e improvvisa, una sorpresa, dove noi abbiamo reagito spontaneamente e in modo diretto, non psicologico, siamo rimasti "stupiti".
La tecnica della "candid camera" ci illustra facce vere, stupite, persone che vivono intensamente il sentimento dello stupore. Gli attori (loro malgrado) sono indifesi, increduli, immobili. Sono veri.
Lo stupore di fronte alla vita e alle cose è il sentimento principale del clown. Stupido deriva da stupito, sbalordito.
Il clown è stupefatto dalla vita, dalle cose e non capisce ma vuole capire.
Il motore del clown è la fame e la solitudine. Lui cerca contatti, inventa. Ogni giorno è nuovo. Ogni momento è nuovo. Lui non conosce i sentimenti. Sperimenta. Cerca. Vive la situazione in modo semplice, diretto, mai psicologico.
Il clown ha dei dubbi. Non è sicuro. Non è certo del presente. Quando parla è concreto, chiaro e semplice. Non fa filosofia, nè poesia. Non è però un gioco per bambini. Non è carnevale. È una tragedia. La tragedia della vita.
Il clown lotta per l'amore, per la pace, per l'amicizia. Il clown è un ponte, vorrebbe unire , vorrebbe che tutte le cose andassero bene e usa tutte le energie per capire. Non si può fare il clown a metà.
È questione di vita o di morte. Se non trova un contatto muore. E questo apre un altro aspetto importante della recitazione: essere al 100% nell'azione, crederci. Non si può nuotare a metà: Si affonda.
Il clown crede completamente in tutto quello che fa. I gesti sono chiari e semplici, perchè il clown ha "urgenza" di comunicare con il pubblico. Il suo essere in teatro è al 100%. Risolvere il fallimento e comprendere il funzionamento del mondo e delle cose porta il clown a sperimentare tante proposte, tante idee: questa è per l'attore la tecnica dell'improvvisazione diretta, mai psicologica, che risponde a delle regole tecniche precise (controtempo, doppia immagine ecc.), mentre per il clown è essere naif (nel senso di semplice e spontaneo).
Il clown è l'antieroe che ha accettato la sua debolezza, di non essere all'altezza della vita moderna. Questa sua debolezza gli dà una grande umanità e un grande spessore teatrale nel lavorare con temi semplici, addirittura quasi giocando. Questo è ciò che interessa l'attore e che investe l'arte della recitazione.
Non c'è mistero nella comicità. Si tratta di conoscere alcune verità semplici sul carattere dell'uomo, e servirsene nel proprio mestiere.
Ad esempio, nel mettere il pubblico di fronte a qualcuno che si trova in una situazione ridicola e imbarazzante. Quando un uomo passeggia nella via, non fa ridere. Messo in una situazione ridicola e imbarazzante, l'essere umano diviene un motivo di riso per i suoi simili. Ogni situazione comica è basata su questo.

Ho visto un re

16 aprile - 24 giugno

16 aprile - 24 giugno

25 giugno - 9 settembre

25 giugno - 9 settembre

Rassegna Stampa

Rassegna Stampa